skip to Main Content

Emily Braun, domande e risposte sulla mostra “Trauma of Painting”

Alberto Burri Guggenheim  newYork

Perché il Guggenheim è il posto giusto per una mostra di Burri?  

«Per due ragioni. La prima è il lungo legame dell’istituzione con Burri: il secondo direttore del museo James Johnson Sweeney infatti acquistò tre importanti opere di Burri per il Guggenheim nel 1955, e scrisse il primo libro importante su di lui. In secondo luogo, la rampa a spirale del Guggenheim mi è sembrata ideale per svelare a ogni svolta le diverse serie». 

Nel libro Controluce ecco come viene descritto l’incontro con Sweeney:

Ma non feci in tempo a esprimere i miei pensieri, che arrivò Sweeney. Era comunque il direttore del più grande museo di arte contemporanea di New York, entrò seguito dalla solita cerchia di americani residenti a Roma  alla ricerca di ispirazione. Il chiacchiericcio era quasi insopportabile . Fra loro una donna elegante, leggera come un soffio d`aria di tramontana in mezzo a una tempesta di scirocco.
Mi avvicinai “Buongiorno sono Alberto Burri.” “ Io ,io sono Minsa Craig” rispose lei sorridente.
Nel frattempo dopo i convenevoli, Sweeney iniziò a scrutare i nostri quadri appesi alle pareti. Si fermò davanti al mio Nero 1. Sembrava davvero  folgorato Chiese spiegazioni ed io che mai ho voluto spiegare un mio quadro gliele diedi, parlavo e guardavo Minsa . Cercavo di fermarla con le mie parole.
Il direttore del Solomon R. Guggenheim Museum di New York  il critico James Johnson Sweeney che all’inizio del 1953 si trovava a Roma,fu Impressionato dai suoi lavori e in particolare da Nero1  esposto nella sede della Fondazione Origine, un quadro che avrebbe fatto da spartiacque nel mondo dell`arte del dopo guerra .
Prima e dopo il nero .
Quel quadratino azzurro faceva intravedere una speranza, era l`Italia della rinascita era il boom economico,ma era anche il rinascimento con i suoi colori luminosi.
Sweeney volle conoscerne l`autore e decise di promuoverne il lavoro attraverso il sostegno critico, che sfociò nella prima monografia  “Burri muta gli stracci in una metafora di carne umana”, e nell’inclusione di alcune sue opere nell’attività espositiva del museo di New York.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 − due =

Back To Top